Dolce e Gabbana ringraziano Napoli: la bellezza della realtà napoletana nella nuova campagna Fall/Winter '16-'17

July 14, 2016

Venghino signori, venghino, la couture è scesa in piazza e sono Dolce&Gabbana i padroni di casa.

 

 

Per i trent’anni della maison gli stilisti hanno deciso di viziare gli addetti ai lavori e di farli tuffare a capofitto nella cultura e nelle tradizioni del nostro Bel Paese. 

E’ successo tra il 7 ed il 10 luglio: i due designer hanno scarrozzato l’intero entourage della moda di un certo livello intasando gli hotel, i ristoranti e persino le bancarelle tipiche di Napoli, per quattro giorni interamente dedicati alla nostra arte popolare, all’alta moda più ricercata e ai lussuosi dettagli della manodopera italiana. Madrina dell’evento un'icona per eccellenza nonché musa ispiratrice dell’intera collezione Alta Moda Fall 2016: Sofia Loren con il suo immancabile abito scuro di paillettes, i suoi gioielli importanti e i grossi occhiali dalle lenti ambrate. 

Un evento in grande stile, che ha coinvolto tanti nomi del fashion system, che ha visto svolgersi la sfilata della couture in minuscole e suggestive viuzze ma non diverso da tanti altri party della moda con budget esorbitanti e contornati di polemiche, se non fosse per un piccolo dettaglio: il marchio ha lanciato un messaggio di innovazione, ha portato qualcosa che è sempre stato elitario tra la gente vera mischiando folklore e stereotipo alla realtà italiana e all'inconfondibile stile D&G. 

 

 


Che qualcosa stesse già cambiando si era già capito con l’uscita a giugno, dell’ultima campagna pubblicitaria per l’autunno-inverno ’16-’17 ready-to-wear, scattata da Franco Pagetti proprio tra via San Gregorio Armeno e piazza San Domenico Maggiore. 

Modelle del calibro di Bianca Balti, Leila Goldkuhl, e Sasha Kichgina sono state immortalate dal famoso fotoreporter (solitamente abituato a ”set” come l’Afghanistan o la Libia) tra i borghi napoletani intente a danzare e scherzare con le comparse prese direttamente nei negozi, sui motorini parcheggiati, tra i tavolini dei bar e nelle gelaterie del centro.  

Persone vere nei loro panni; spiccano sciarpe Louis Vuitton, borse Armani, scarpe Hogan: direi che nella vita reale capita che il “nemico” provi a metterci lo zampino ;-)  

Le statiche Postcards from Italy, ormai biglietto da visita del brand e life motive delle passate campagne, si sono trasformate in veri e propri scatti rubati, atmosfere fatte di risate sfuggenti, di atteggiamenti rilassati e di visi accigliati e divertiti tipici di chi non è abituato alla macchina fotografica. 

Contrasti che  accentuano le differenze di due mondi distinti che però si completano. Domenico Dolce e Stefano Gabbana stanno comunicando forte e chiaro: in un mondo di apparenza oggi il vero lusso è la realtà, quella che guarda ancora stupita una bella donna vestita a festa che attraversa la strada.

 

 

 

 

Please reload

Post in evidenza

Lione, Tolosa e Lille : alla scoperta delle tre città che ospiteranno i match dell'Italia a Euro 2016"

June 10, 2016

1/4
Please reload

Post recenti